Ogni anno il tuo 5×1000 alle Acli diventa un aiuto concreto attraverso progetti a sostegno delle comunità locali in tutto il territorio italiano. Abbiamo realizzato attività di mutuo aiuto e supporto alla genitorialità, progetti di recupero e ridistribuzione di generi alimentari e prime necessità, iniziative di contrasto alla disoccupazione.

Nel 2017, con il contributo del 5x1000 del 2015, abbiamo aiutato in tutta Italia 424.980 persone in stato di bisogno.

GRAZIE A TE.

5xmille alle Acli: povertà, famiglia, giovani e lavoro, welfare e cooperazione internazionale.

#ACLISTORIEVERE

Da un piccolo gesto nascono grandi progetti

Donare il tuo 5xmille alle Acli è semplice.

compilazione

Ti basta andare presso un ufficio postale o ad un CAF. Nel modulo della dichiarazione dei redditi (730, ex CUD, unico) trovi il riquadro per la “scelta per la destinazione del cinque per mille dell’IRPEF”. Compila i dati nello spazio dedicato nel riquadro e la tua firma nello spazio dedicato. Puoi donare il 5Xmille anche se non devi presentare la dichiarazione dei redditi.

Attività realizzate dalle ACLI con il contributo 5x1000 annualità 2015

Vedi

Rendiconto degli importi del 5x1000 percepiti dagli aventi diritto - anno finanziario 2015

Vedi

Richiedi informazioni

Un contributo che vale, il tuo!

Donare il tuo 5xmille alle Acli è semplice.

Domande frequenti

Il 5x1000 è una donazione che proviene dall’imposta sul reddito delle persone fisiche – IRPEF – come stabilito dalla Legge Finanziaria del 2006. Chiunque presenti la dichiarazione dei redditi, dovrà comunque versare il 5x1000, ma può scegliere di destinare la propria quota, a finalità di sostegno di particolari enti no profit, o di finanziamento della ricerca scientifica, o universitaria e sanitaria. Basterà compilare l’apposita sezione sulla dichiarazione dei redditi, inserendo firma e codice fiscale dell’associazione scelta.
Fai la dichiarazione dei redditi? Allora puoi donare il 5x1000 delle tue tasse ad una specifica associazione. Ti basterà presentare i modelli: REDDITI (Ex UNICO), CERTIFICAZIONE UNICA, MODELLO 730.
Certamente. Se non hai l’obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi, sarà sufficiente consegnare ad una banca o a un ufficio postale la scheda integrativa per il 5x1000 contenuta nel CU in busta chiusa, su cui apporre la scritta "scelta per la destinazione del 5x1000 dell'IRPEF", con indicazione di nome, cognome e codice fiscale del contribuente.
No. Il 5x1000 non sostituisce l'8x1000, ma si aggiunge al suo meccanismo. Entrambi permettono al contribuente di scegliere a chi devolvere una parte delle proprie imposte sul reddito, ma non vanno confusi perché hanno formule di destinazione fiscale diverse. Lo scopo dell’8 x1000 è di offrire sostegno alla Chiesa di culto (confessioni e credo religiosi).
Fai attenzione quando compili il tuo 5x1000. Dimenticandoti di inserire il codice fiscale a cui vuoi destinare il 5x1000, le somme saranno ripartite in maniera proporzionale in base al numero di preferenze ricevute dalle associazioni appartenenti alla stessa categoria.
REDDITI (EX UNICO) Persone Fisiche deve essere presentato entro i termini seguenti:

  • 30 giugno 2018 se la presentazione viene effettuata in forma cartacea per il tramite di un ufficio postale;

  • 31 ottobre 2018 se la presentazione viene effettuata per via telematica, direttamente dal contribuente ovvero se viene trasmessa da un intermediario abilitato alla trasmissione dei dati.

MODELLO 730 precompilato deve essere presentato entro:

  • 23 luglio 2018 nel caso di presentazione diretta all’Agenzia delle entrate;

  • 9 luglio 2018 nel caso di presentazione al sostituto d’imposta oppure al Caf o al professionista.

Il 730 ordinario si presenta entro il 9 luglio 2018 al sostituto d’imposta che presta l’assistenza fiscale, al Caf o al professionista abilitato. I termini che scadono di sabato o in un giorno festivo sono prorogati al primo giorno feriale successivo.

CERTIFICAZIONE UNICA (sia per redditi di lavoro dipendente che di lavoro autonomo): entro il 7 marzo 2018. Il soggetto erogante deve poi trasmettere in via telematica all’Agenzia delle Entrate il flusso delle Certificazioni Uniche entro il 7 marzo 2018. Tutte le scadenze fiscali possono essere prorogate.
Contatta la sede Acli a te più vicina per ulteriori informazioni. www.acli.it